MIGLIORAMENTO CONTINUO

MIGLIORAMENTO CONTINUO

Continuous Improvement Lean Transformation

È la prima volta che la filosofia del “Continuous Improvement” (Lean Transformation) viene declinata su un sito siderurgico di queste dimensioni ed importanza in Italia e questo rende Acciai Speciali Terni un case history da osservare a livello internazionale. Il miglioramento continuo è un approccio di vita legato alla volontà di crescere e non dare mai nulla per scontato. Uno stato mentale in cui la curiosità alimenta la nostra crescita umana e professionale e per il quale si è portati ad individuare ciò che si può migliorare e a consolidare nel tempo i successi conseguiti.  In ambito industriale-produttivo, il continuous improvement è l’insieme delle azioni intraprese a vantaggio dell’azienda e dei clienti, partendo dal miglioramento della produzione e dalla riorganizzazione del lavoro nel segno del cambiamento continuo e puntuale sul campo. Non è un progetto, perché non prevede un inizio e una fine, ma è un percorso che permette il superamento dei paradigmi che generano vincoli e sprechi all’interno dei processi.  Nel mondo di Industria 4.0 più che mai il pieno dominio dei processi ci permette di evitare la digitalizzazione degli sprechi e di cogliere al meglio le opportunità offerte sia dalle tecnologie che dal fattore umano, vero plus di questo percorso. Tutto questo in AST si traduce nell’offrire una serie di strumenti, di suggerimenti e di indicazioni per migliorare la qualità della nostra vita lavorativa.

GLI OBIETTIVI

L’obiettivo è acquisire la capacità di saper raggiungere velocemente il cliente, con un prodotto di qualità e offrendo tutta l’assistenza necessaria. In un mercato a bassa domanda e a marginalità che si riduce, è interesse dell’azienda passare dalla distribuzione intermediata (distributori, grossisti) a una forte fetta di fornitura diretta all’end-user (cliente finale). E il requisito più importante per gli end user è l’affidabilità (forniture Just in Time), ovvero la volontà di ricevere le materie prime e i componenti alla data concordata, nei quantitativi concordati e conformi al livello di qualità richiesta. Sviluppare una grande attenzione ai clienti finali, rappresenta un cambiamento profondo nella cultura aziendale. Per renderlo possibile, è necessario “Cambiare pelle” mutando l’approccio mentale di una azienda nell’ottica del miglioramento continuo, partendo dal coinvolgimento delle persone.

MIGLIORAMENTO CONTINUO IN AST: IL PROGETTO BACK TO BASICS

Back to basics rappresenta un cambiamento in termini di cultura aziendale che vuole mettere al centro il valore dell’umiltà e della semplicità e il massimo coinvolgimento di tutti. Non a caso i suoi strumenti principali sono matita, carta e colori. Il metodo consiste nel misurare, condividere e migliorare INSIEME, partendo dal concetto che ogni risultato raggiunto è un inizio e costituisce la base per poterne ottenere un altro.

LE PERSONE

Il punto chiave di una lean transformation è l’uomo, la sua attitudine, la sua preparazione e la sua formazione. Ad oggi in AST sono stati formati 1700 dipendenti con attività di aula e sul campo ed è stato definito un piano di formazione lungo tutto il 2017 che punta a raggiungere tutti i dipendenti.

LE ATTIVITÀ

Iniziato a giugno 2016 back to basics ha coinvolto tutta AST: dallo stabilimento centrale di Terni alle unità produttive esterne del Tubificio di Terni e del Centro di Finitura, fino alla controllata Terninox a Milano. Ad oggi tutte le linee produttive sono organizzate e gestite secondo gli standard di visual management che permettono, tramite l’uso di semplici strumenti, di avere il pieno controllo di efficienza ed efficacia della produzione con il massimo coinvolgimento di tutti gli operatori secondo le logiche e gli strumenti del miglioramento continuo. Strumenti di confronto dei dati, verifica dei risultati e di risoluzione strutturata sono i nostri compagni di viaggio in questo percorso.